Accadde Oggi 14 luglio 1859:

Il numero zero de La Nazione


Pubblicato il numero zero de "La Nazione", il giornale fondato ieri a Firenze dal barone Bettino Ricasoli con un gruppo di amici.


Accadde Oggi 14 luglio 1859 161 anni fa - accaddeoggi.it ©
Il barone Bettino Ricasoli si riunisce nella tarda serata del 13 luglio 1859 con un gruppo di amici per dare vita a un nuovo giornale che sostenga la causa dell'unità del paese cara ai toscani.

Nella riunione viene nominato un direttore, Leopoldo Cempini, e si decide la pubblicazione del numero di presentazione del giornale che dovrà essere distribuito entro la giornata del 14 luglio; il "numero zero" de La Nazione è un mezzo foglio realizzato con grande entusiasmo da parte dei primi redattori improvvisati e da alcuni tipografi volontari.

Il "numero zero" del giornale viene pubblicato per cinque giorni durante i quali "La Nazione" organizza l'uscita del quotidiano vero e proprio con il primo numero ufficiale che sarà in vendita il 19 luglio 1959.


(Nella fotocomposizione: la testata del numero zero de La Nazione pubblicato il 14 luglio 1859)

Condividi questo articolo


Pubblicità



Commenta usando il tuo profilo Facebook

Pubblicità



Oroscopo di oggi


Pubblicità



Il box gratuito per il tuo sito



Pubblicità





E oggi lunedì 3 Agosto...

    1158 – Federico Barbarossa rifonda la città lombarda di Lodi

    1492 – Cristoforo Colombo parte da Palos verso le Indie.

    1778 – “Europa riconosciuta” di Salieri inaugura il Teatro alla Scala di Milano

    1829 – Prima mondiale a Parigi del Guglielmo Tell di Rossini.

    1914 – La Germania dichiara guerra alla Francia.

    1940 – Le truppe italiane al comando del generale Nasi invadono la Somalia Britannica


    1924 – Piero Ottone

    1926 – Tony Bennett

    1940 – Martin Sheen

    1941 – Franco Menichelli

    1944 – Vito Gamberale

Advertising

Switch to our mobile site

Usiamo i cookie.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti, se per te va bene clicca su "Accetto".

Se lo preferisci puoi negare il consenso e continuare a visitare il sito: i nostri partner non terranno conto della tua visita ma vedrai pubblicità meno attinenti alle tue preferenze.


La nostra politica su cookie e privacy