-->

Accadeva il giorno 13 giugno del 1966:

La legge “Miranda”


La Corte Suprema statunitense vara la legge "Miranda" secondo cui tutti i sospetti criminali devono essere informati dei propri diritti prima di poter essere interrogati dalla polizia.


13 giugno 1966 52 anni fa - accaddeoggi.it ©


Il "Miranda warning" recita:

"Lei ha il diritto di rimanere in silenzio. Qualsiasi cosa dica potrebbe essere usata contro di lei in tribunale. Ha diritto alla presenza di un avvocato durante l'interrogatorio. Se non può permettersi un avvocato gliene verrà assegnato uno d'ufficio".

Viene introdotto in seguito al caso di Ernesto Arturo Miranda arrestato per furto, che confessò anche lo stupro di una diciottenne due giorni prima; al processo, l'accusa usò la sua confessione e Miranda accusato di stupro e rapimento viene condannato da 20 a 30 anni.

Il suo avvocato d'ufficio John Flynn si appellò alla Corte suprema insistendo che Miranda non avesse specificamente chiesto un avvocato e il caso fu definito il 13 giugno 1966 stabilendo che ogni dichiarazione resa da un accusato alla polizia sia utilizzabile solo se l'accusato è stato informato del suo diritto di avere un avvocato e che dimostri di aver compreso i suoi diritti prima di rinunciarvi.

(Nella foto: Ernesto Arturo Miranda)




Accadde Oggi - 13/06/1966


Se disponi di un profilo Facebook puoi utilizzarlo per commentare questa notizia









Il box gratuito per il tuo sito







E oggi: giovedì 18 ottobre...

    0202 – L’esercito romano di Scipione l’Africano prevale su Annibale a Cartagine

    1781 – Si chiude la guerra d’indipendenza americana con la vittoria sugli inglesi

    1794 – Impiccati a Napoli tre giovani giacobini

    1851 – Moby Dick debutta in versione non integrale

    1967 – L’Alaska passa agli USA

    1875 – Guglielmo di Germania in Italia


    1697 – Giovanni Canaletto

    1859 – Henri Bergson

    1909 – Norberto Bobbio

    1926 – Chuck Berry

    1942 – Gianfranco Ravasi

Advertising

Switch to our mobile site