-->


Accadeva il giorno 23 maggio del 1928:

Bomba contro l’Italia a Buenos Aires


Una bomba esplode al consolato italiano di Buenos Aires uccidendo nove persone e ferendone altre tredici. L'obiettivo mancato è l'ambasciatore Alberto Martin Franklin.


23 maggio 1928 91 anni fa - accaddeoggi.it ©


C’è un italiano tra le vittime della bomba esplosa al consolato d’Italia a Buenos Aires: è Filippo Paglieri.

Identificati anche due argentini mentre resta sconosciuta l'identità di altre sei vittime.

Tredici italiani risultano feriti gravemente. 56 persone sono state fermate mentre la polizia ritiene l'azione avesse come obiettivo l’ambasciatore d’Italia, Alberto Martin-Franklin.

Lo stesso ambasciatore ha dichiarato che "L’origine dell’attentato si trova direttamente nei gruppi antifascisti che sono responsabili dell’attentato di Milano".

Tesi, quella che accosta l'azione all'attentato di piazzale Giulio Cesare, abbracciata anche da vari giornali italiani.




Accadde Oggi - 23/05/1928


Se disponi di un profilo Facebook puoi utilizzarlo per commentare questa notizia











Il box gratuito per il tuo sito







E oggi: lunedì 17 Giugno...

    1859 – Francis Drake reclama il dominio inglese sul territorio dell’attuale California

    1885 – La Statua della Libertà arriva a New York a bordo della nave francese “Isere”

    1905 – Si alza in volo l’Aeronave Italia, primo dirigibile italiano

    1928 – Amelia Earhart è la prima donna a trasvolare l’Atlantico

    1940 – La Francia si arrende all’esercito tedesco

    1944 – L’Islanda torna all’indipendenza dopo 682 anni


    1239 – Edoardo I

    1603 – Giuseppe da Copertino

    1691 – Giovanni Paolo Pannini

    1876 – Vincenzo Scarpetta

    1882 – Igor Stravinskij

Advertising

Switch to our mobile site

Usiamo i cookie.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti, se per te va bene clicca su "Accetto".

Se lo preferisci puoi negare il consenso e continuare a visitare il sito: i nostri partner non terranno conto della tua visita ma vedrai pubblicità meno attinenti alle tue preferenze.


La nostra politica su cookie e privacy