Accadeva il giorno 23 maggio del 1928:

Bomba contro l’Italia a Buenos Aires


Una bomba esplode al consolato italiano di Buenos Aires uccidendo nove persone e ferendone altre tredici. L'obiettivo mancato è l'ambasciatore Alberto Martin Franklin.


23 maggio 1928 91 anni fa - accaddeoggi.it ©


C’è un italiano tra le vittime della bomba esplosa al consolato d’Italia a Buenos Aires: è Filippo Paglieri.

Identificati anche due argentini mentre resta sconosciuta l'identità di altre sei vittime.

Tredici italiani risultano feriti gravemente. 56 persone sono state fermate mentre la polizia ritiene l'azione avesse come obiettivo l’ambasciatore d’Italia, Alberto Martin-Franklin.

Lo stesso ambasciatore ha dichiarato che "L’origine dell’attentato si trova direttamente nei gruppi antifascisti che sono responsabili dell’attentato di Milano".

Tesi, quella che accosta l'azione all'attentato di piazzale Giulio Cesare, abbracciata anche da vari giornali italiani.




Accadde Oggi - 23/05/1928


Se disponi di un profilo Facebook puoi utilizzarlo per commentare questa notizia









Il box gratuito per il tuo sito







E oggi: lunedì 19 Agosto...

    0014 – Muore a Nola l’imperatore romano Augusto

    1860 – Garibaldi sbarca in Calabria a Melito Porto Salvo con i suoi uomini.

    1887 – Il chimico Mendeleev in pallone aerostatico sale a 3500 metri per osservare l’eclisse

    1934 – I tedeschi alle urne in massa votano a favore della carica di Fuhrer per Hitler

    1948 – Al via la nona edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia

    1953 – Parte l’operazione Ajax per rovesciare il governo iraniano di Mossadeq


    1521 – Lodovico Guicciardini

    1871 – Orville Wright

    1883 – Coco Chanel

    1936 – Gianfranco d’Angelo

    1945 – Ian Gillan

Advertising

Switch to our mobile site

Usiamo i cookie.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti, se per te va bene clicca su "Accetto".

Se lo preferisci puoi negare il consenso e continuare a visitare il sito: i nostri partner non terranno conto della tua visita ma vedrai pubblicità meno attinenti alle tue preferenze.


La nostra politica su cookie e privacy