Accadde Oggi 23 maggio 1992:

La strage di Capaci


A Capaci nei pressi di Palermo viene ucciso il giudice anti-mafia Giovanni Falcone. Nell’attentato pèrdono la vita anche tre agenti della scorta e la moglie Francesca Morvillo.


Accadde Oggi 23 maggio 1992 28 anni fa - accaddeoggi.it ©
Il direttore della sezione affari penali del Ministero di Grazia e Giustizia e il più probabile candidato procuratore nazionale antimafia Giovanni Falcone viene ucciso con la moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta: Vito Schifani, Rocco Dicilio e Antonio Montinaro.

L'esplosione, per la quale si ritiene siano stati utilizzati cinquecento chili di tritolo collocati in un piccola galleria sotto la carreggiata, avviene nei pressi di Capaci sull'autostrada che congiunge l'aeroporto di Punta Raisi a Palermo.

Lievemente feriti l'autista giudiziario Giuseppe Costanza, che viaggiava nell'auto del giudice Falcone e i tre agenti nell'auto di coda del corteo: Paolo Capuzza, Gaspare Cervello e Angelo Corbo.


(Nella foto: il luogo dell'attentato poco dopo l'esplosione)

Condividi questo articolo


Pubblicità



Commenta usando il tuo profilo Facebook

Pubblicità



Oroscopo di oggi


Acquisti con Amazon? Collegati da qui:



Pubblicità



Il box gratuito per il tuo sito



Pubblicità





E oggi sabato 30 Maggio...

    1431 – A Rouen in Francia viene arsa viva Giovanna d’Arco

    1778 – A Parigi muore lo scrittore, filosofo e drammaturgo Voltaire

    1860 – Le truppe borboniche chiedono l’armistizio a Garibaldi dopo tre giorni di combattimenti

    1922 – Inaugurato a Washington il monumento Lincoln Memorial

    1942 – A Colonia il primo bombardamento britannico sulla Germania

    1948 – Nasce il concorso Totip: è basato sulle corse dei cavalli


    1846 – Peter Carl Fabergé

    1908 – Mel Blanc

    1920 – Anna Proclemer

    1933 – Sergio Citti

    1933 – Stefano Rodotà

Advertising

Switch to our mobile site

Usiamo i cookie.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti, se per te va bene clicca su "Accetto".

Se lo preferisci puoi negare il consenso e continuare a visitare il sito: i nostri partner non terranno conto della tua visita ma vedrai pubblicità meno attinenti alle tue preferenze.


La nostra politica su cookie e privacy