Accadeva il giorno 13 luglio del 1859:

Fondato La Nazione di Firenze


A Firenze nasce il quotidiano la Nazione. Lo fonda un gruppo di amici raccolti dal barone Bettino Ricàsoli a sostegno del sentimento unitario dei toscani. E' il primo giornale quotidiano italiano e il primo a diffusione nazionale. Il "numero zero" uscirà domani.


13 luglio 1859 160 anni fa - accaddeoggi.it ©


Il barone Bettino Ricasoli si riunisce a tarda sera con un gruppo di amici per dare vita a un nuovo giornale che sostenga la causa dell'unità del paese cara ai toscani.

Nella riunione viene nominato un direttore, Leopoldo Cempini, e si decide la pubblicazione del numero di presentazione del giornale che dovrà essere distribuito entro domani; il "numero zero" de La Nazione è un mezzo foglio realizzato con grande entusiasmo da parte dei primi redattori improvvisati e da alcuni tipografi volontari.

Il "numero zero" del giornale viene pubblicato per cinque giorni durante i quali "La Nazione" organizza l'uscita del quotidiano vero e proprio con il primo numero ufficiale che sarà in vendita il 19 luglio 1959.


(Nella fotocomposizione: la testata del numero zero de La Nazione pubblicato il 14 luglio 1859)




Accadde Oggi - 13/07/1859


Se disponi di un profilo Facebook puoi utilizzarlo per commentare questa notizia











Il box gratuito per il tuo sito







E oggi: domenica 21 Luglio...

    1542 – Papa Paolo III avvia l’inquisizione cattolica contro i Protestanti.

    1831 – Il Belgio diventa nazione indipendente.

    1921 – La Mongolia proclama l’indipendenza dalla Cina

    1940 – Estonia, Lettonia e Lituania annesse a URSS.

    1942 – Joan Crawford si sposa per la quarta volta

    1944 – Fucilati a Berlino i congiurati dell’Operazione Walchiria


    1899 – Ernest Hemingway

    1924 – Morando Morandini

    1926 – Norman Jewison

    1943 – Grazia Letizia Veronese

    1947 – Renato Pareti

Advertising

Switch to our mobile site

Usiamo i cookie.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti, se per te va bene clicca su "Accetto".

Se lo preferisci puoi negare il consenso e continuare a visitare il sito: i nostri partner non terranno conto della tua visita ma vedrai pubblicità meno attinenti alle tue preferenze.


La nostra politica su cookie e privacy