Accadde Oggi 04 novembre 1918:

Il bollettino della Vittoria


In tutta Italia si festeggia la fine della I Guerra Mondiale in seguito all'armististio firmato ieri con l'Austria a Villa Giusti di Padova. Il bollettino ufficiale viene diramato oggi dal generale Armando Diaz e per questa data viene decisa la celebrazione della Vittoria e delle Forze Armate .


04 novembre 1918 101 anni fa - accaddeoggi.it ©


Ecco il testo del Bollettino della Vittoria.

Comando Supremo, 4 novembre 1918, ore 12 Bollettino di guerra n. 1268

La guerra contro l'Austria-Ungheria che, sotto l'alta guida di S.M. il Re, duce supremo, l'Esercito Italiano, inferiore per numero e per mezzi, iniziò il 24 maggio 1915 e con fede incrollabile e tenace valore condusse ininterrotta ed asprissima per 41 mesi, è vinta.

La gigantesca battaglia ingaggiata il 24 dello scorso ottobre ed alla quale prendevano parte cinquantuno divisioni italiane, tre britanniche, due francesi, una cecoslovacca ed un reggimento americano, contro settantatré divisioni austroungariche, è finita. La fulminea e arditissima avanzata del XXIX Corpo d'Armata su Trento, sbarrando le vie della ritirata alle armate nemiche del Trentino, travolte ad occidente dalle truppe della VII armata e ad oriente da quelle della I, VI e IV, ha determinato ieri lo sfacelo totale della fronte avversaria.

Dal Brenta al Torre l'irresistibile slancio della XII, della VIII, della X armata e delle divisioni di cavalleria, ricaccia sempre più indietro il nemico fuggente.

Nella pianura, S.A.R. il Duca d'Aosta avanza rapidamente alla testa della sua invitta III armata, anelante di ritornare sulle posizioni da essa già vittoriosamente conquistate, che mai aveva perdute.

L'Esercito Austro-Ungarico è annientato: esso ha subito perdite gravissime nell'accanita resistenza dei primi giorni e nell'inseguimento ha perduto quantità ingentissime di materiale di ogni sorta e pressoché per intero i suoi magazzini e i depositi.

Ha lasciato finora nelle nostre mani circa trecentomila prigionieri con interi stati maggiori e non meno di cinquemila cannoni. I resti di quello che fu uno dei più potenti eserciti del mondo risalgono in disordine e senza speranza le valli che avevano discese con orgogliosa sicurezza.

(Armando Diaz, comandante supremo del Regio Esercito)





Accadde Oggi - 04/11/1918


Commenta usando il tuo profilo Facebook




















E oggi: mercoledì 13 Novembre...

    1789 – Franklin: di certo ci sono solo la morte e le tasse

    1868 – Si spegne in Francia il compositore Gioacchino Rossini

    1886 – Hertz mostra trasmissione energia elettomagnetica

    1907 – La regina Elena d’Italia dà alla luce la quartogenita di Vittorio Emanuele III: si chiama Giovanna

    1940 – Walt Disney distribuisce il nuovo film “Fantasia”

    1943 – Bernstein debutta alla direzione della filarmonica di New York


    0354 – Sant’Agostino

    1850 – Robert Louis Stevenson

    1854 – Luca Beltrami

    1913 – Alberto Lattuada

    1934 – Garry Marshal

Advertising

Switch to our mobile site

Usiamo i cookie.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti, se per te va bene clicca su "Accetto".

Se lo preferisci puoi negare il consenso e continuare a visitare il sito: i nostri partner non terranno conto della tua visita ma vedrai pubblicità meno attinenti alle tue preferenze.


La nostra politica su cookie e privacy
Shutdown connection