* * *
*
Il giorno 12 febbraio 1951 (68 anni fa )

Organizzato da Giovanni Battista Giorgini si svolge a Firenze il "First Italian High Fashion Show" in cui vengono presentati 18 modelli di 10 case di moda italiane. E' la prima sfilata di alta moda in Italia, l'evento da cui prende vita l'idea di Moda Italiana come prodotto mondiale.



Il 12 febbraio 1951 presso la residenza privata di Giovanni Battista Giorgini a Firenze si tiene il “First Italian High Fashion Show” alla presenza di sei importanti compratori americani: Gertrude Ziminsky per B. Altman and Company di New York, John Nixon per Henry Morgan di Montreal, Ethel Francau, Jessica Daves e Julia Trissel per Bergdorf Goodman di New York, Stella Hanania per Magnin di San Francisco.

L'organizzatore Giorgini aveva programmato di presentare diciotto modelli proposti da dieci case di moda italiane, fra cui figurano l'atelier Carosa di Giovanna Caracciolo, Alberto Fabiani, l'atelier Simonetta di Simonetta Colonna Visconti, Emilio Schuberth le Sorelle Fontana, Jole Veneziani, la sartoria Vanna di Manette Valente, Vita Noberasko e Germana Marucelli.

Con queste case di moda presentano i propri modelli per il prêt-à-porter Emilio Pucci, Giorgio Avolio, La tessitrice dell'Isola di Clarette Gallotti e Mirsa di Olga di Gresy.

La qualità dei prodotti, la reputazione dei compratori e l'appoggio del giornale Harper's Bazaar che pubblicizzò l'evento oltre oceano decretarono il successo dell'iniziativa di Giorgini nella sua Villa Torrigiani.

A partire da quel momento si iniziò a parlare nel mondo di moda italiana dopo che per anni il settore era stato dominio incontrastato delle "maison" parigine.

La seconda sfilata si tenne nel luglio del 1951 nei saloni del “Grand Hotel” di Firenze e poi, dall'anno successivo nella Sala Bianca di Palazzo Pitti si iniziò a organizzare due tornate di sfilate ogni anno, in gennaio e a luglio.


Accadde oggi | 12 febbraio : La prima sfilata italiana di alta moda *
* * *

Versione Mobile | Versione Desktop
© 1999-2019 Accadde oggi - Riservati tutti i diritti