Il giorno 25 settembre 1896 nasceva:

Sandro Pertini (settimo presidente della Repubblica Italiana)


25 settembre 1896 125 anni fa - accaddeoggi.it ©
Alessandro Pertini è nato a Stella in provincia di Savona il 25 settembre 1896 ed è morto a Roma il 24 febbraio 1990.

Politico, partigiano e giornalista è stato il settimo presidente della Repubblica Italiana, dal 1978 al 1985.

Lauretosi in giurisprudenza e poi in scienze politiche e sociali, dopo aver preso parte alla prima guerra mondiale inizia ad esercitare la professione forense ma già dal 1918 indirizza le sue forze alla militanza politica, iscrivendosi al Partito Socialista Italiano.

Per effetto delle leggi speciali promulgate dal regime fascista viene condannato a un confino di cinque anni a cui sfugge trovando ricovero presso Carlo Rosselli a Milano e poi in Francia grazie all'asilo politico.

Rientra in Italia nel 1929 e crea un'organizzazione clandestina socialista per la quale viene condannato a 11 anni di reclusione.

Tornato in libertà alla caduta del fascismo nell'agosto del 1943 è impegnato nel primo esecutivo del Partito Socialista e due mesi dopo nuovamente in carcere dopo la cattura da parte dei nazisti che lo condannato a morte, sentenza che riesce a eludere grazie a un'evasione dal Regina Coeli nella primavera del 1944.

Nel 1945 diventa segretario del P.S.l., l'anno seguente è deputato dell'Assemblea Costituente, presidente del gruppo socialista al Senato nel 1948.

Nelle consultazioni politiche del 1953 viene eletto alla Camera dei Deputati dove rimane per tutta la legislatura successiva, divenendone vicepresidente nel 1963 e presidente nel 1968.

L'8 luglio 1978 viene designato Presidente della Repubblica con l'ampio consenso di 832 voti su 995 votanti, espletando il mandato con una forte impronta personale che gli vale il titolo di presidente più amato dagli italiani.

Il 29 giugno 1985 dieci giorni prima della naturale scadenza del mandato decide di dimettersi per consentire l'insediamento immediato del suo successore Francesco Cossiga eletto al primo scrutinio il 24 giugno.

Sebbene si fosse in più occasioni dichiarato ateo, negli anni ha stretto una profonda amicizia con il pontefice Giovanni Paolo II che accorre a trovarlo in ospedale nel 1987 quando Pertini viene colto da malore durante i funerali del generale Giorgieri ucciso dalle Brigate Rosse.

Si spegne nel suo appartamento a Roma il 24 febbraio 1990 per complicazioni dopo una caduta di cui era stato vittima alcuni giorni prima.



Condividi questo articolo

Pubblicità



Che ricorrenza è oggi?

Leggi e ascolta "Accadde Oggi Podcast" con i principali fatti del giorno da ricordare

Iscriviti al Podcast di Accadde Oggi: https://giornopergiorno.accaddeoggi.it/?feed=mp3


Oroscopo di sabato 23 ottobre 2021

Scegli il tuo segno zodiacale:

Ariete (21 marzo - 20 aprile)
Toro (21 aprile - 20 maggio)
Gemelli (21 maggio - 21 giugno)
Cancro (22 giugno - 22 luglio)
Leone (23 luglio - 23 agosto)
Vergine (24 agosto - 22 settembre)
(23 settembre - 22 ottobre) Bilancia
(23 ottobre - 22 novembre) Scorpione
(23 novembre - 21 dicembre) Sagittario
(22 dicembre - 20 gennaio) Capricorno
(21 gennaio - 19 febbraio) Aquario
(20 febbraio - 20 marzo) Pesci

Pubblicità



Pubblicità




Pubblicità



Il box gratuito per il tuo sito



Pubblicità





E oggi sabato 23 Ottobre...

    1863 – A Torino viene fondato il CAI, Club Alpino Italiano

    1884 – Istituito presso il Ministero dell’Industria e Commercio, l’Ufficio Brevetti italiano

    1907 – Nuovo terremoto in Calabria e Sicilia. Ferruzzano nel reggino è quasi completamente distrutto

    1923 – La Grande Assemblea Nazionale proclama Ankara capitale della Turchia

    1941 – Arriva al cinema “Dumbo” l’elefantino volante prodotto da Walt Disney

    1942 – Battaglia finale ad El Alamein tra britannici e italo-tedeschi


    1811 – Orazio Antinori

    1817 – Pierre Larousse

    1902 – Luigi Gedda

    1906 – Gertrude Ederle

    1920 – Gianni Rodari

Advertising

Usiamo i cookie.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti, se per te va bene clicca su "Accetto".

Se lo preferisci puoi negare il consenso e continuare a visitare il sito: i nostri partner non terranno conto della tua visita ma vedrai pubblicità meno attinenti alle tue preferenze.

La nostra politica su cookie e privacy