-->

Accadeva il giorno 13 gennaio del 1977:

Ancora intossicati alla Eaton Yale


Si verificano nuovi casi intossicazione nello stabilimento della Eaton Yale di Aprilia, già chiuso nel novembre scorso dopo le esalazioni di gas che avevano intossicato duecento operai.


13 gennaio 1977 42 anni fa - accaddeoggi.it ©


Un nuovo incidente si è verificato alla Eaton-Yale" di Aprilia dove vengono prodotti i popolari lucchetti; in mattinata il lavoro è stato interrotto dopo che è andato in corto circuito il reattore di una lampada fluorescente la cui esplosione ha causato la fuoriuscita di vapori acri.

Il panico ha avuto il sopravvento sugli operai già psicologicamente provati dai casi dei circa duecento colleghi intossicati in novembre da esalazioni di gas e dall'incidente simile avvenuto tre giorni prima per il quale erano all'opera i tecnici del laboratorio dell' inquinamento atmosferico del Cnr nel tentativo di individuarne le cause.

La produzione è stata nuovamente interrotta pur se appena ripresa e gli operai torneranno al lavoro quando i tecnici del Cnr avranno concluso tutti gli esami e fornito il nulla osta igienico-sanitario di agibilità per gli impianti e i locali dell'azienda.




Accadde Oggi - 13/01/1977


Se disponi di un profilo Facebook puoi utilizzarlo per commentare questa notizia









Il box gratuito per il tuo sito







E oggi: mercoledì 23 gennaio...

    1556 – Gravissimo terremoto in Cina con oltre 800.000 morti

    1799 – L’esercito francese entra a Napoli: proclamata la Repubblica Partenopea

    1869 – Francia e Regno Unito per libero commercio

    1896 – Wilhelm Rontgen presenta a Wurzburg la scoperta dei raggi X

    1918 – I Commissari del Popolo sovietici istituiscono l’Armata Rossa

    1932 – Arriva in edicola il primo numero della Settimana Enigmistica


    1783 – Stendhal

    1798 – Ciro Menotti

    1832 – Edouard Manet

    1862 – David Hilbert

    1899 – Carlo Betocchi

Advertising

Switch to our mobile site

Usiamo i cookie.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti, se per te va bene clicca su "Accetto".

Se lo preferisci puoi negare il consenso e continuare a visitare il sito: i nostri partner non terranno conto della tua visita ma vedrai pubblicità meno attinenti alle tue preferenze.


La nostra politica su cookie e privacy